Laboratorio di MusicArTerapia

Il corpo come
"luogo di segni"

Ci proponiamo di portare in scena il “nostro corpo”.  Un corpo che porta “con sé” e “in sé” la memoria ancestrale delle radici dell’umanità, frutto e sintesi della storia universale, che, ponendosi come suono e radice di un linguaggio archetipico globale, attinge e riversa l’Energia nella comune terra.

 

La scatola del respiro

Questo progetto permette di entrare in una dimensione “mentale” favorendo un contatto con la propria sfera emotiva.

Gestione armonica del proprio corpo.

Il respiro è... il primo atto di comunicazione involontario... uscire  dallo spazio interno a quello esterno, significa estendere la propria forma.

Il respiro è... il campanello del nostro stato d'animo

 

I col-Ori e le f-Orme della musica

La necessità di lasciare una traccia (il sé) è fondamentale per poter risuonare in un grembo sociale; un'occasione unica per poter aggiungere un tassello alla nostra identità.

Ogni traccia ha un suo profondo significato: Colore, Forma, Materia che sia...

 

Dal Grembo Materno al Grembo Sociale

Sintonia-Sincronia-Sinfonia vengono presentate come tre regole d'oro, utili per attivare una relazione sempre più positiva con sé stessi, con gli altri e con la realtà che ci circonda.

L'obiettivo è ripristinare la continuità tra il “grembo materno”, avvolgente, contenitivo, rassicurante, e il “grembo sociale”, che molto spesso pregiudica il nostro “stare al mondo”; favorendo dunque, un “occhio di ri-Guardo”.

 

Lo Strumentario:  "Voce di dentro" 

Il corpo è uno strumento musicale che, se emo-tonica-mente stimolato, risuona in tutte le sue parti liberando quella musicalità interna, presente in Noi, iniziata sin dal periodo fetale. Non esiste distacco tra l’esecutore (corpo) e lo strumento; esso, infatti, nel momento in cui instaura un con-tatto, diventa  risonante. Ogni strumento musicale diventa prolungamento di un  corpo.

 

Improvvis-Azione  "una messa in gioco"

Bisogna esprimere in libertà e senza remore le proprie sensazioni  (tracce espressive), secondo un’istintività e una naturalità proprie (principio di piacere), recuperando quel compiacimento (rispecchiamento, ricerca dell'identità) spesso soggiogato da condizioni esterne soventemente precostituite.

Il segreto è “la messa in gioco”che, attraverso lo stile ludico fondato sulla fiducia nei potenziali umani, infonde uno stato  di affidamento e benessere verso sé stessi e gli altri, tutto in regime di Libertà.

 

Bio-Energia: dal Ritmo (terra)...alla Melodia (linfa vitale)

...un flusso Bio-energetico ci ripercorre, ripescando (regressione) nella memoria del liquido amniotico (miele-mielodia) le coreografie del “Grembo Materno”. Un'opportunità per riattivare un flusso che, attraverso movimenti ascensionali e discensionali, acquisisce un radicale valore energizzante.

Non si può vivere di solo “Ritmo” (razionalità, fissità, pre-visioni), né tantomeno, di sola “Melodia” (sogni, desideri, bramosia).

 

Stili Prenatali "Il viaggio dell'Eroe"

...un Viaggio ...attraverso fasi evolutive che si traducono in Stili Espressivi (prenatali) che prendono forma  in tutte le tracce umane,  dal concepimento in poi...

  1. Concentrico pulsante
  2. Dondolante
  3. Melodico
  4. Roteante
  5. Ritmico staccato
  6. Imago-Azione
Catartico